Coronavirus: il governo “vara” il nuovo DPCM. Sarà valido fino al 13 novembre 2020.

Il governo ha varato il nuovo Dpcm per contrastare l’emergenza Covid. Le misure sono entrate in vigore ieri 19 ottobre e saranno valide fino al 13 novembre.

Il nuovo provvedimento, in modifica del DPCM del 13 ottobre u.s., coinvolge soprattutto le attività dei servizi di ristorazione (bar, ristoranti, pub, gelaterie e pasticcerie), che vengono consentite dalle 5 alle 24, salva la possibilità dei sindaci di disporre la chiusura al pubblico dopo le 21. In ogni caso, dalle 18 sarà possibile soltanto il consumo al tavolo per un massimo 6 persone e all’esterno dei locali dovrà essere riportato il numero massimo di clienti consentiti all’interno.

Restano aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti.

Resta confermata la possibilità di effettuare il delivery senza limiti di orario mentre il take away solo fino alle 24.00; restano altresì consentite le attività delle mense e il catering.  Le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo sono consentite dalle ore 8 alle ore 21.

Il nuovo DPCM introduce anche il divieto di svolgere sagre e le fiere di comunità. Restano consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale ed i congressi, previa adozione di protocolli validati dal Comitato tecnico-scientifico, e secondo misure organizzative adeguate alle dimensioni ed alle caratteristiche dei luoghi e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro. Sono sospese tutte le attività convegnistiche o congressuali, ad eccezione di quelle che si svolgono con modalità a distanza.

Infine, per quanto riguarda gli sport “di contatto”, saranno consentite partite e gare sportive a livello regionale e nazionale per professionisti e dilettanti. Saranno invece vietati gli allenamenti di squadra. Arriva il divieto anche per le gare dilettantistiche a livello provinciale, ferma restando la possibilità di allenarsi a livello individuale e fare allenamenti con i compagni di squadra evitando però il contatto e dunque di fare “partitelle” o sessioni di gioco con gli altri.

SCARICA IL TESTO DEL DPCM