Voucher per la digitalizzazione: 10 mila euro per le micro, piccole e medie imprese

Il voucher per la digitalizzazione è una misura agevolativa per le micro, piccole e medie imprese che prevede un contributo, di importo non superiore a 10 mila euro, finalizzato all’adozione di interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico, nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili.

Il voucher è utilizzabile per l’acquisto di software, hardware e/o servizi specialistici che consentano di:

  • migliorare l’efficienza aziendale;
  •  modernizzare l’organizzazione del lavoro, mediante l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro;
  • sviluppare soluzioni di e-commerce;
  • fruire della connettività a banda larga e ultralarga o del collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare;
  • realizzare interventi di formazione qualificata del personale nel campo ICT.

Le spese devono essere effettuate successivamente alla prenotazione del voucher.

ipad-tablet-technology-touchLe domande potranno essere presentate dalle imprese, esclusivamente tramite la procedura informatica, a partire dalle ore 10.00 del 30 gennaio 2018 e fino alle ore 17.00 del 9 febbraio 2018.

La procedura informatica sarà accessibile nell’apposita sezione “Voucher digitalizzazione” del sito web del Ministero dello Sviluppo Economico, a partire dalle ore 10.00 del 15 gennaio 2018, per precaricare (facoltativo) la domanda.

In ogni caso, una volta precaricata, bisognerà sempre effettuare l’invio della domanda dal 30 gennaio 2018.

Nel caso in cui l’importo complessivo dei Voucher concedibili sia superiore all’ammontare delle risorse disponibili (100 milioni di euro), il Ministero procede al riparto delle risorse in proporzione al fabbisogno derivante dalla concessione del Voucher da assegnare a ciascuna impresa beneficiaria.

Tutte le imprese ammissibili alle agevolazioni concorrono al riparto, senza alcuna priorità connessa al momento della presentazione della domanda.

Le imprese ammesse al beneficio ed il relativo importo saranno pubblicati dal Ministero sul proprio sito web, attraverso un provvedimento cumulativo di prenotazione.

Le spese dovranno essere ultimate entro 6 mesi dalla data di pubblicazione della prenotazione cumulativa.

Ai fini dell’assegnazione definitiva e dell’erogazione del Voucher, l’impresa iscritta nel provvedimento cumulativo di prenotazione deve presentare, entro 30 giorni dalla data di ultimazione delle spese e sempre tramite l’apposita procedura informatica, la richiesta di erogazione, allegando, tra l’altro, i titoli di spesa.

Dopo aver effettuato le verifiche istruttorie previste, il Ministero determina con proprio provvedimento l’importo del Voucher da erogare in relazione ai titoli di spesa risultati ammissibili.


Per ulteriori informazioni è disponibile per tutti gli Associati il consulente finanziario che riceve per appuntamento tutti i lunedì dalle 15:30 alle 18:30.

Tieniti For.te., formazione e crescita a costo zero per la tua impresa

Nextevent_Tieniti forte 2017

Con gli Avvisi del Fondo For.te. è possibile finanziare la formazione dei dipendenti delle aziende del terziario.

For.Te. permette a tutti i datori di lavoro aderenti al Fondo di sviluppare la competitività della propria impresa attraverso interventi formativi a costo zero.

Compila il form per avere ulteriori informazioni sulle modalità di iscrizione e di partecipazione ai corsi:

Autorizzo il trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi del D. Lgs. 30 Giugno 2003 n. 196.

Approvato dal Consiglio dei ministri il decreto che taglia le commissioni per i pagamenti con Pos

money-card-business-credit-card-50987

Il Consiglio dei ministri ha approvato, in via preliminare, il decreto legislativo che taglia le commissioni interbancarie per i pagamenti con carta e bancomat tramite il Pos, sia per i micro-pagamenti sotto i 5 euro che quelli di importo maggiore.

Non solo, arrivano nuove sanzioni per chi non rispetta la riduzione delle commissioni e l’abbassamento da 150 a 50 euro della franchigia a carico dell’utente nei casi in cui avvengano pagamenti fraudolenti.

Il decreto recepisce la direttiva dell’Unione europea sui servizi di pagamento nel mercato interno (cosiddetta Psd 2 Payment services directive) e adegua la normativa nazionale al regolamento Ue relativo alle commissioni interbancarie sulle operazioni di pagamento basate su carta.

Per i pagamenti tramite carta di debito e prepagata la commissione interbancaria per ogni operazione di pagamento non può essere superiore allo 0,2% del valore dell’operazione stessa; per le operazioni tramite carta di credito la commissione interbancaria per operazione non può essere superiore allo 0,3% del valore dell’operazione.

Inoltre, il provvedimento detta requisiti tecnici e regole commerciali uniformi, allo scopo di rafforzare l’armonizzazione del settore e garantire una maggiore sicurezza, efficienza e competitività dei pagamenti elettronici, a vantaggio di esercenti e consumatori.

Nello specifico, il decreto amplia i diritti degli utenti dei servizi di pagamento, che beneficeranno ad esempio di un regime di responsabilità ridotta in caso di pagamenti non autorizzati, riducendo la franchigia massima a carico degli utenti da 150 a 50 euro e, per promuovere l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronici, conferma e generalizza il divieto di applicare un sovrapprezzo per l’utilizzo di un determinato strumento di pagamento (il cosiddetto “divieto di surcharge”).

15.09.2017

Strumenti per migliorare il rapporto impresa-banca, seminario con SDL a Pula il 14 giugno 2017

COMUNE_PULA_LOGO
Nuovo appuntamento a Pula: Confcommercio Sud Sardegna prosegue il ciclo di seminari ed incontri formativi sul territorio, per scoprire ed approfondire le opportunità per le imprese.
I relatori di SDL Centrostudi, società specializzata nell’analisi delle problematiche attinenti i rapporti con il sistema finanziario, fiscale e bancario analizzeranno gli aspetti operativi per evidenziare eventuali anomalie su conti correnti, mutui, leasing, derivati,  swap e cartelle esattoriali.
Verranno approfondite le strategie procedurali idonee ad attivare le possibili azioni di recupero per le aziende e i cittadini.
L’evento, organizzato in collaborazione con lo sportello impresa del Comune di Pula, è gratuito e rivolto ai titolari di impresa con gli eventuali collaboratori e agli aspiranti imprenditori.

L’appuntamento con gli esperti di SDL Centrostudi è fissato per

mercoledì 14 giugno 2017
presso i locali ex Pretura a 
Pula, Via Nora n. 195
alle ore 15:00

PULA_SDL_14.06.2017

Prenota il tuo posto – ultimi 10 posti liberi – per il seminario gratuito:

Autorizzo il trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi del D. Lgs. 30 Giugno 2003 n. 196.

Le opportunità per favorire l’accesso al credito: consorzio fidi COFIMER e SARDEX – Pula, 31 maggio 2017

COMUNE_PULA_LOGO
Confcommercio Sud Sardegna prosegue il ciclo di seminari ed incontri formativi sul territorio, per scoprire ed approfondire le opportunità di finanziamento per le imprese.
All’evento dello scorso 31 maggio, organizzato in collaborazione con lo sportello impresa del Comune di Pula, rivolto ai titolari di impresa con gli eventuali collaboratori e agli aspiranti imprenditori, hanno partecipato il consorzio fidi Cofimer e il circuito di credito commerciale Sardex.net

Pula_Opportunità_per_favorire_l'accesso_al_credito - 31.05.2017

Accesso al credito e finanza agevolata Pula, 19 aprile 2017

COMUNE_PULA_LOGO
Confcommercio Sud Sardegna prosegue il ciclo di seminari ed incontri formativi sul territorio, per scoprire ed approfondire le opportunità di finanziamento per le imprese.
L’evento, organizzato in collaborazione con lo sportello impresa del Comune di Pula, è gratuito e rivolto ai titolari di impresa con gli eventuali collaboratori e agli aspiranti imprenditori.
L’appuntamento con gli esperti del settore finanziamenti è fissato per

mercoledì 19 aprile 2017
presso i locali ex Pretura a 
Pula, Via Nora 
alle ore 15:00

Accesso al credito e finanza agevolata - Pula 19 aprile 2017

Sardex ha presentato la convenzione con Confcommercio Sud Sardegna a conclusione dell’assemblea

Sardex.net continua a incontrare le aziende con iniziative pensate e dedicate a chi è già iscritto e a chi intende informarsi in maniera più approfondita sul Circuito di credito commerciale.

L’ultimo appuntamento si è tenuto giovedì 30 giugno – a conclusione dell’assemblea generale dei soci Confcommercio Sud Sardegna per l’approvazione del bilancio.

L’obiettivo è allargare la rete, così da ampliare la gamma di beni e servizi acquistabili all’interno di Sardex.net e offrire opportunità di affari e di risparmio sempre maggiori e convenienti: un modo di fare impresa che si basa sulla collaborazione, sul sostegno reciproco, sulla capacità d’instaurare nuove relazioni e di rafforzare quelle esistenti e che ha spinto a farvi parte oltre 3 mila aziende di ogni settore e dimensione sparse in tutta l’isola.

Sardex.net riserva ai soci Confcommercio esclusive condizioni di accesso e apre alle imprese iscritte la possibilità di incrementare il numero di clienti ed il fatturato, trovando nella rete un valido supporto al mercato ed alle relazioni tradizionali e consolidate.

VISITA LA SEZIONE DEL SITO DEDICATA A SARDEX

Sardex.net e Confcommercio: la rete si allarga

Sardex.net continua a incontrare le aziende sui vari territori con iniziative pensate e dedicate a chi è già iscritto e a chi intende informarsi in maniera più approfondita sul Circuito di credito commerciale.

L’appuntamento è fissato per venerdì 18 marzo alle ore 18 presso il Centro Culturale del Comune di Iglesias, Via Grazia Deledda, fianco Ospedale CTO.

L’obiettivo è allargare la rete, così da ampliare la gamma di beni e servizi acquistabili all’interno di Sardex.net e offrire opportunità di affari e di risparmio sempre maggiori e convenienti: un modo di fare impresa che si basa sulla collaborazione, sul sostegno reciproco, sulla capacità d’instaurare nuove relazioni e di rafforzare quelle esistenti e che ha spinto a farvi parte oltre 3 mila aziende di ogni settore e dimensione sparse in tutta l’isola.

Sardex.net riserva ai soci Confcommercio esclusive condizioni di accesso e apre alle imprese iscritte la possibilità di incrementare il numero di clienti ed il fatturato, trovando nella rete un valido supporto al mercato ed alle relazioni tradizionali e consolidate.

Per partecipare clicca sulla locandina e compila il modulo di iscrizione

SARDEX_IGLESIAS

Confcommercio e Sardex: la rete si allarga

Sardex.net continua a incontrare le aziende sui vari territori con iniziative pensate e dedicate a chi è già iscritto e a chi intende informarsi in maniera più approfondita sul Circuito di credito commerciale.

L’appuntamento, il primo in calendario per il mese di marzo, è fissato per giovedì 3 alle 18 nella sala consiliare del Comune di Vallermosa, in via Adua 2.

L’obiettivo è allargare la rete, così da ampliare la gamma di beni e servizi acquistabili all’interno di Sardex.net e offrire opportunità di affari e di risparmio sempre maggiori e convenienti: un modo di fare impresa che si basa sulla collaborazione, sul sostegno reciproco, sulla capacità d’instaurare nuove relazioni e di rafforzare quelle esistenti e che ha spinto a farvi parte oltre 3 mila aziende di ogni settore e dimensione sparse in tutta l’isola.

Sardex.net riserva ai soci Confcommercio esclusive condizioni di accesso e apre alle imprese iscritte possibilità di incrementare il numero di clienti ed il fatturato, trovando nella rete un valido supporto al mercato ed alle relazioni tradizionali e consolidate.

Per partecipare clicca sulla locandina e compila il modulo di iscrizione

Sardex_Vallermosa_3_marzo_2016

Il credito per i giovani imprenditori di Confcommercio

Migliorano i giudizi delle imprese giovani del terziario circa il livello dei ricavi.
Nel terzo trimestre dell’anno, gli operatori che considerano la situazione in miglioramento o, per lo meno, invariata, superano coloro che denunciano ancora delle sofferenze.
Migliorano i giudizi relativamente alla situazione occupazionale. GIOVANI_CREDITO
Diminuiscono, anche se lievemente, i prezzi praticati dai fornitori (la situazione è migliorata) e migliorano i tempi di pagamento da parte dei clienti delle imprese.
Per due operatori su dieci, la situazione è tuttavia ancora preoccupante e non sembra destinata a migliorare in vista dell’ultima parte dell’anno.